La convivenza forzata e il dolore ai rapporti in menopausa

Coppia senior a colazione chiacchierando

La convivenza forzata in questo periodo, che va ormai avanti da diverse settimane, potrebbe avere alcune novità nella coppia. In alcuni casi un riavvicinamento, dovuto al maggior tempo passato insieme, in altri casi qualche difficoltà che può essere dovuta a questioni intime.

La dispareunia, o dolore durante i  rapporti sessuali, è un disturbo che può avere un grosso impatto sulla vita intima rendendola più difficile e meno piacevole. Si tratta di un insieme di fastidi che possono impattare negativamente sulla coppia in generale e sulle coppie di lungo corso in particolare, proprio perché la dispareunia può fare la sua comparsa in menopausa.

E in questo periodo di lock-down, durante il quale si passa più tempo insieme e nel quale ci sono più occasioni per coccole e tentativi di approccio, il dolore durante i  rapporti sessuali potrebbe costituire un problema.

Che cos’è la dispareunia e da cosa dipende

Si chiama generalmente dispareunia un dolore che accompagna l’atto sessuale, prima, durante oppure al termine, fino anche a due giorni successivi. Come detto, dopo la menopausa è un disturbo assai frequente ma si può presentare anche prima in percentuale minore (nel 12-15% delle donne), anche se le cause sono spesso di natura differente.

Per capire qual è la natura della dispareunia è importante esperto in menopausa Anche questo tipo di dolore, infatti, ha solide cause biologiche che possono essere individuate precocemente con un’anamnesi accurata anche per evitare peggioramenti,  cronicizzazioni e comorbilità”.

Se vuoi saperne di più puoi guardare il video del Professor Emmanuele Jannini

Fermare le coccole, dire di no: se non è solo una questione di voglia

Ci sono più occasioni in queste settimane, ma purtroppo non sempre è un modo per riavvicinare la coppia. Ci possono essere molte situazioni nelle quali a causa della dispareunia l’amore e l’intimità possono diventare dolorosi fisicamente e psicologicamente.

Una domanda brutale, ma necessaria: lui lo sa? Sa qual è il tuo problema? Sa perché a volte ti tiri indietro? Una delle cose migliori da fare in questo caso – e una delle prime se senti di avere dei fastidi del genere – potrebbe essere quella di parlarne con il tuo compagno: racconta di quel che accade al tuo corpo, digli che sai che non è nulla di grave e che presto risolverai la situazione con l’aiuto del tuo ginecologo di fiducia. Il fatto di tranquillizzare anche lui renderà tutto molto meno “segreto”, molto meno imbarazzante.

Se il feeling tra voi è ancora alto, troverete un modo per scambiarvi coccole e carezze in modo rispettoso e consapevole fintanto che la situazione non evolverà in meglio. Per trovare la soluzione più adatta a te,  parlane con il tuo ginecologo

Se non c’è dialogo con il partner, il rischio è che lui pensi che sia una questione legata al desiderio, alla voglia di stare insieme che viene a mancare e dunque a un rapporto che non funziona più come una volta. Ma non è sempre e solo questione di voglia e c’è una parte di te che farebbe volentieri a meno di concedersi perché il problema è il dolore.

Se esiste uno stimolo doloroso, infatti può esistere una contropartita psicologica che si ciba di ciò che la corteccia cerebrale registra. Un dolore continuo e costante provoca malessere psichico, si può generare un flusso di emozioni negative che possono provocare più dolore e abbassare persino la soglia della sopportazione.

Cogli l’occasione di questo tempo dilatato per risolvere i tuoi problemi intimi

Proprio questi lunghi giorni in cui anche tu, probabilmente, sei costretta a restare in casa e quindi con più tempo a disposizione per stare con il tuo partner, cogli l’occasione per trovare il momento giusto e parlargli dei tuoi problemi intimi. Potrebbe essere anche per te un grande sollievo, spiegare ciò che ti turba e che ti crea disagio.

In più questo è il momento giusto per pianificare la prossima visita dal ginecologo che puoi fare anche con il tuo partner: sarà il medico stesso a facilitare il dialogo con te e con il partner, spiegando per bene quali sono le cause e le conseguenze della dispareunia, qual è il modo migliore per recuperare l’intimità e l’amore in modo graduale ma completo.