Inizio post-menopausa: quali sono i primi sintomi e come riconoscerli

donna inizio post menopausa

Con il termine post-menopausa spesso si indica quel periodo che inizia verso i 60 anni e dura fino alla senilità piena durante il quale i cambiamenti ormonali si “assestano” ma possono comparire nuovi sintomi. Ecco come accorgersi di essere in questa fase.

Quale genere di vita hai condotto? Sei stata attenta alla tua alimentazione? Hai fatto prevenzione?

Niente ansie: sono tutte domande che dovresti porti una volta arrivata alla soglia dei 60 anni, perché in questa fase potrai riscattare ogni investimento fatto su te stessa nella parte precedente della vita.

L’equazione del “terzo tempo”, per usare un’espressione letteraria ispirata dal bel libro di Lidia Ravera, dice che per una senilità felice, serena e in salute tu debba innanzitutto spendere i tuoi anni precedenti nello stesso modo, ovvero senza abusi o vizi, facendo un po’ di attività fisica, lavorando costantemente per il tuo benessere psichico e facendo una buona attività di “manutenzione”.

Così controlli periodici e atteggiamento positivo possono aiutarti ad arrivare all’“età dell’oro” in piena forma e pronta a goderne appieno senza accorgerti quasi dei sintomi iniziali della post menopausa.

Sintomi iniziali della post menopausa

In generale, si comincia a stare meglio, almeno sotto il profilo del benessere percepito. E questa è una buona notizia.L'Atrofia Vulvo-Vaginale interessa una donna su 2

La principale differenza infatti tra la premenopausa (il periodo che precede l’ultima mestruazione), la menopausa e la post menopausa è proprio la diminuzione dei principali sintomi vasomotori e fastidi  che hanno caratterizzato gli anni precedenti: le odiose vampate sono meno frequenti e meno intense (anche se 2 donne su 10 dichiarano di continuare a soffrirne anche dopo), si placa quell’irrequietezza che non ti ha fatto dormire sonni tranquilli per un po’, né passare giornate totalmente serene.

Solitamente, dunque, questo è un buon momento per molte donne, un momento di vera rinascita e riscoperta dei piaceri della vita, anche quella di coppia che potrebbe tornare a splendere di una nuova luce, anche dal versante più intimo.

Tuttavia, così come i disturbi del primo periodo sono differenti da donna, a donna, anche questo momento può essere vissuto in modi diversi: l’età in cui collocarla e la riduzione dei fastidi si presentano con grandi differenze.

La maggior parte delle signore in post menopausa sono più attive, hanno più tempo a disposizione e amano spenderlo con il partner o con gli amici, hanno una situazione economica e sentimentale più stabile, insomma sono più serene, anche grazie a una maturità che consente di fare il punto sulle cose veramente importanti della vita, tralasciando ansie e preoccupazioni generate da quelle marginali.

Meno disagi ma più rischi: ecco perché devi solo fare attenzione

In questo periodo della vita, come detto, da un lato c’è uno “stop” naturale ai disagi: le vampate, l’irritabilità, si vanno placando per lasciare spazio a un ritrovato equilibrio. Dall’altro lato possono però emergere con più forza altri problemi come l’Atrofia Vulvo Vaginale e alcune patologie genito-urinarie che possono compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane.

La maggior parte di questi disturbi sono legati a secchezza vaginale, incontinenza e difficoltà nei rapporti intimi, problemi genitali che dopo i 60 anni 8 donne su 10 dichiarano di avere: una percentuale maggiore rispetto a chi ha qualche anno in meno.

Anche le infezioni ricorrenti come le cistiti possono aumentare la loro incidenza nella post menopausa.

Per ognuno di questi problemi, in ogni caso, una visita dal ginecologo può essere risolutiva.

Controllarsi è sempre una buona idea, anche perché la maggior parte delle problematiche legate all’età, come l’atrofia vulvo vaginale oppure il prolasso uterino o della vescica possono essere contrastate con tanta più efficacia quanto più precoce è la diagnosi.

Check-up medici regolari possono aiutare anche a ridurre i rischi connessi con l’avanzamento dell’età, ovvero quelli di andare incontro a malattie degenerative.

Trova un esperto

Inizio post-menopausa, una mente in salute e l’amore sono il segreto per viverlo al meglio

Se non sei fumatrice, né hai ecceduto con l’uso di alcol, se hai fatto attività fisica regolare e hai mantenuto un peso adeguato alla tua corporatura durante la maggior parte della vita, se non hai, infine, malattie pregresse, quella che ti aspetta è una terza età in salute.

Generalmente questa dipendenza causa-effetto è veritiera, ma hai bisogno anche di un altro aiuto, quello del tuo cervello, che devi mantenere allenato e pronto a rispondere agli stimoli.

Il modo in cui  farlo puoi deciderlo secondo le tue preferenze: dai corsi delle ottime Università della Terza Età, alle lezioni di cucina – magari insieme al tuo partner – per preparare cene deliziose da fare invidia agli amici, dal sudoku sotto l’ombrellone fino ai viaggi culturali e ai romanzi da leggere, i modi per mantenere la mente in attività sono tantissimi e tutti piacevoli.

Questo è molto più importante di quel che credi: nella post menopausa, infatti può anche accadere che vi sia un calo dell’umore, che nei casi più gravi diventa vera e propria depressione.

Ansia e calo dell’umore possono costituire in alcuni casi uno dei sintomi più frequenti, in associazione con la riduzione dei fastidi del post menopausa. Queste manifestazioni possono ritenersi direttamente connesse con le modificazioni biochimiche e ormonali che concludono il loro ciclo proprio in questo periodo, con il possibile aumento (naturale) di peso che porta a non piacersi più, ma anche con le tensioni che l’incidenza maggiore di secchezza, bruciore e dolore genitale possono causare nella vita di coppia. 

Molte donne in questa fase della vita rinunciano ai rapporti intimi con il partner per via dei disagi causati dall’Atrofia Vulvo Vaginale e anche per una questione di convinzione culturale: si pensa che dopo una “certa età” non ci sia più spazio per le coccole e le carezze.

In realtà i rapporti possono diventare anche più piacevoli e più ricchi di passione e spensieratezza, quel che è importante è ascoltare il proprio corpo rendendo sempre partecipe il partner delle sensazioni e delle modificazioni che la menopausa ha portato al nostro organismo. L’amore dopo i 50, così come dopo i 60 e oltre è un vero toccasana per l’umore e per il benessere psicofisico.

I 60 anni, una meravigliosa fase della vita

Affido alle parole di una bella citazione, la sintesi di questo articolo.

«Credo che la menopausa sia l’inizio di una nuova e meravigliosa fase della vita di una donna. È arrivato il momento di sintonizzarci con i nostri corpi e abbracciare questo nuovo capitolo. Io mi sento me stessa e amo molto di più il mio corpo oggi a 58 anni, di quanto abbia mai fatto prima d’ora. Ero preparata alla menopausa, alle vampate di calore e a cose di questo genere ma quando il mio corpo ha iniziato a cambiare io ho capito che avevo ancora molte domande da fare. Ma più ascoltavo quello che mi diceva il mio corpo e più mi sentivo rilassata e a mio agio».

(Kim Cattral, protagonista di “Sex & The City”, portavoce della campagna “Tune in To Menopause” per aiutare le donne ad ascoltare i cambiamenti del proprio corpo).

 

(*) Referenze

  • Nappi RE, Climacteric 2015; 18: 233-240
  • Nappi RE and Kokot-Kierepa M. Climacteric 2012; 15:36-44
  • Nappi RE, et al. Maturitas 2013; 75:373-379