Unghie che si sfaldano: potrebbe essere una questione ormonale

unghie sfaldate

Così come capelli e pelle, pure le unghie risentono dei cambiamenti ormonali della menopausa. Ecco perché anche delle mani belle e curate possono passare per un colloquio dal ginecologo.

In menopausa i tessuti, le estremità pilifere e le formazioni cornee del corpo possono risentire del cambiamento nell’equilibrio ormonale che è tipico di questa fase e, in particolare, del calo di estrogeni. Così, i tessuti vaginali possono diventare più secchi e, di conseguenza, più fragili, i capelli possono apparire più sottili, sfibrati e radi, la pelle apparire disidratata, e anche le unghie possono manifestare debolezza, sfaldandosi e assottigliandosi.

Le variazioni dei livelli ormonali, infatti, oltre ad avere come prima conseguenza la graduale scomparsa del ciclo mestruale e l’ingresso in menopausa, possono essere responsabili di una serie di altre modificazioni sul tuo organismo come:

Questo nuovo assetto può causare disagi di varia natura, sia fisiologici che estetici. Stile di vita sregolato, alimentazione scorretta poi, possono fare il resto.  In questo articolo parliamo nello specifico delle unghie, che insieme alle mani costituiscono un “biglietto da visita” importante per le signore.

Perché in menopausa le unghie possono sfaldarsi

Il calo nella produzione di estrogeni che è fisiologico in menopausa, può avere conseguenze anche sulla produzione di cheratina, una proteina fondamentale per la salute delle unghie e dei capelli perché è parte della loro struttura.

Le variazioni ormonali tipiche di questa fase hanno, tra gli altri, l’effetto di ridurre la quantità di grassi presenti all’interno della lamina ungueale e questo contribuisce a disidratare le unghie, un po’ come accade per la pelle e le mucose. Più secche, le unghie diventano anche più fragili e, nei casi più gravi, esposte al rischio di formazione di creste verticali, l’onicoressi. Quelle che all’apparenza sembrano delle increspature, sono in realtà fratture e fessurazioni che possono rendere le unghie non solo non gradevoli all’aspetto, ma anche dolenti e più soggette all’attacco di micosi e infezioni in genere.

A peggiorare la situazione possono concorrere anche:

  • carenze nutrizionali, di vitamine o minerali, primo tra tutti il calcio, il cui fabbisogno aumenta considerevolmente in menopausa per difendere la salute delle ossa
  • utilizzo frequente di sostanze detergenti aggressive (come i detersivi) a diretto contatto con la pelle

Perché anche per la salute delle unghie può servire una visita dal ginecologo

Vuoi un Teleconsulto ?

È facile! Richiedi un colloquio in videoconferenza da casa tua con un ginecologo esperto in menopausa vicino a te.

Vuoi un teleconsulto

La fragilità delle unghie potrebbe comparire dopo l’ingresso in menopausa per tutto quanto detto sin ora. Sappi che questo è il momento di prendere appuntamento con il ginecologo e parlare con lui, senza imbarazzo né vergogna, di qualunque genere di disagio tu stia avvertendo in questa fase.

Un colloquio con lo specialista rappresenta il modo migliore per prenderti cura della tua salute, del tuo benessere e persino della tua bellezza.

Certo le unghie sono una questione prettamente estetica, ma potrebbero rivelare l’utilità di un trattamento che vada a riequilibrare anche altri distretti. Generalmente, infatti, il problema delle unghie fragili in menopausa si associa ad altri disturbi come i capelli che cadono o anche qualche fastidio intimo come il prurito vulvare, la secchezza vaginale, il dolore ai rapporti (dispareunia), le perdite ematiche.

In tutti questi casi soltanto una visita dal ginecologo potrà essere risolutiva per la gestione di disagi che, se trascurati, potrebbero peggiorare (come l’Atrofia Vulvo Vaginale, della quale i fastidi che abbiamo elencato qui sopra potrebbero rappresentare i sintomi). 

Cosa fare per proteggere la salute delle unghie in menopausa

Da parte tua, puoi adottare una serie di accorgimenti quotidiani che, in sinergia tra loro, possono aiutarti a limitare i problemi alle unghie.

  • Usa i guanti. Ti sembrerà una raccomandazione banale ma utilizzare i guanti per le faccende domestiche, ed evitare così il contatto con detergenti, detersivi e sostanze chimiche in generale, è già di per sé un ottimo modo per salvaguardare il benessere (e la bellezza) delle tue mani. Procurati i guanti idonei all’uso alimentare e utilizzali quando lavi e cucini alimenti che potrebbero esporre le tue unghie al contatto prolungato con l’acqua (come verdure o pesce).
  • Aiutati con gli integratori. Puoi rinforzare le tue unghie anche dall’interno con specifici integratori a base di vitamine, sali minerali, cheratina, biotina e collagene, tutte sostanze utili per la salute delle unghie, ma anche dei capelli e della pelle. Chiedi consiglio al medico (puoi parlarne direttamente con il ginecologo) ed evita il fai-da-te.
  • Abbina alla tua crema mani un buon olio nutriente per le unghie: in commercio ne esistono di specifici, rivolgiti ad una farmacia per un consiglio adeguato.
  • Evita lo smalto semipermanente. Magari lo preferisci a quello tradizionale proprio perché ti consente di coprire delle unghie non proprio a posto, e invece sappi che ha il solo risultato di peggiorare la tua situazione. Lo smalto semipermanente, infatti, impedisce una corretta traspirazione della lamina ungueale e in più, per essere rimosso, necessita dell’utilizzo di solventi particolarmente aggressivi e di lime che raschiano il dorso dell’unghia. Insomma, tutto ciò da cui devi stare alla larga se vuoi ritrovare la bellezza delle tue mani! Prediligi, invece, smalti nei toni trasparenti o neutri (e di ottima qualità) perché sono più delicati e, inoltre, evitano il rischio che il colore si infili tra le fessure della lamina ungueale macchiandola.
  • Difendi le tue unghie anche a tavola. Come saprai se leggi questo blog, l’alimentazione è fondamentale in menopausa sotto molti punti di vista. Calcio e zinco (i minerali fondamentale per la salute di unghie e pelle), vitamine e antiossidanti, prima ancora che con gli integratori, vanno assunti seguendo una dieta sana e bilanciata. Ricordati che è fondamentale anche una corretta idratazione “da dentro”: bevi almeno 2 litri di acqua naturale al giorno. Questa è la nostra pagina con i consigli per un’alimentazione amica della tua bellezza